AAEditore

Menu

Settimanale Mio N 43-2017

L’editoriale Dell’Editore Angelo Aleksic:

angelo

A NORD L’ARIA CHE TIRA NON È DELLE MIGLIORI, PAROLA DI… PAOLO NESPOLI!

Il celebre e poco amato coro da stadio “Avete solo la nebbia” che i tifosi di quasi tutte le squadre d’Italia intonano per sbeffeggiare le blasonate Milan e Inter, non basta più, purtroppo, a descrivere la situazione in città in questi giorni. Sì, perché, se a Milano e in tutta la valle Padana ci fosse soltanto la nebbia (magari quella di una volta, così poeticamente affascinante e talmente densa da non permetterti di vedere un cartello stradale a pochi metri di distanza), accompagneremmo i nostri figli picco.li nel passeggino o mano nella mano, a scoprire la gran.de bellezza dell’autunno e delle foglie secche che cadono per terra, dando un tocco di colore al grigiore dell’autunno metropolitano. E invece no, al nord non c’è più solo la nebbia. A ricordarlo a tutti i tifosi, ma soprattutto a tutti noi cittadini, un uomo che la foschia settentrionale la conosce molto bene, essendo nato in Brianza: lui è Paolo Nespoli, astronauta alla sua terza missione nello spazio. Dall’alto dell’universo, il mitico Nexp ha immortalato il nord d’Italia e nel suo scatto, postato su Twitter e da noi pubblicato a pagina 8, si nota un’ampia macchia grigiastra: si tratta della caligine avvolta da una cappa di smog. Un inquinamento che, a causa anche della prolungata as.senza di piogge, in 25 città ha oltrepassato il limite con.sentito. Ma non basterà certo una tempesta monsonica per mettere al tappeto le polveri sottili e risolvere il proble.ma con uno schiocco di dita. Pensiamo ai bebè nelle carrozzine o ai bimbi di tre/quattro anni che muovono i primi passi ad altezza marmitta, respirando i gas di scarico dei veicoli, agli anziani con difficoltà respiratorie: l’aria che tirerà nel loro futuro non sembra delle più incoraggianti, dato che il traffico automobilistico è in costante aumento e che il pianeta Terra, imbottito di termostati tenuti ben oltre i 19 gradi, si sta scaldando come una pento.la a pressione. Ecco perché, come denunciato dall’ottimo Nespoli che vigila su di noi dalle galassie, nella pianura padana non abbiamo solo la nebbia: quel fastidioso coro da stadio va di sicuro aggiornato. Buona lettura!

Angelo Aleksic


Sommario